Home / Guide / Macchina da cucire usata

Macchina da cucire usata

Macchina da cucire usata

Chiunque abbia confidenza con ago e filo ha di certo pensato di comprare, prima o poi , una macchina da cucire! Le domanda che ognuno si pone prima di effettuare l’acquisto sono tante, dal modello, alle caratteristiche. La prima domanda in assoluto è di certo: ma mi serve davvero? E se poi non la uso?

Questa è il tipico dubbio delle neofite, perché chi già la possiede sa bene che la macchina da cucire , in un modo o nell’altro, non resta mai nell’angolo a impolverarsi. Serve sempre fare l’orlo ai pantaloni nuovi, o rimediare ad una scucitura, risistemare un elastico, e da cosa nasce cosa, si approda al cucito e al cucito creativo in un batter d’occhio.

La prima domanda dopo aver scelto di acquistare una macchina e se deve trattarsi di una macchina nuova o usata, e qui la scelta non è facile, ci sono infatti molte cose da controllare soprattutto se si opta per un usato.
Esistono sul mercato diverse aziende che si occupano proprio di commercializzare attrezzature di seconda mano e di certo in buono stato, proprio perché prima di essere immesse e presentate al pubblico vengono sistemate e riportate a nuovo.

 

 

Consigli se scegliete di orientarvi verso un usato

Un usato permette di acquistare una macchina da cucire con caratteristiche più elevate rispetto a quelle che si troverebbero nuove alla stessa fascia di prezzo. Tutto dipende da ciò che vi aspettate di fare con la macchina da cucire.

Un primo elemento cui prestare attenzione quando acquistate una macchina usata è la marca, soprattutto in relazione ai centri di assistenza che ci possono essere nella vostra zona. Inutile risparmiare se poi una volta che si presentano problemi diventa un calvario farla sistemare. Proprio perché di seconda mano è più soggetta a riparazioni, e per questo attenzione che il modello non sia troppo datato o rischierete di non riuscire a recuperare, ne voi ne l’assistenza, i pezzi di ricambio, o almeno una parte di questi!

Acquistare una macchina da cucire usata richiede anche attenzione a riguardo del sito di acquisto. Infatti rivolgersi ad un rivenditore di macchine da cucire, anziché un privato, scovato su internet o giornali di affari da seconda mano, vi permette di avere consigli utili sulle prestazioni della macchina. Nonché l’opportunità di controllare dal vivo l’oggetto che state per acquistare ed inoltre avere la certezza di ottenere delle risposte sia in caso di problematiche di normale utilizzo, sia con eventuali riparazioni da eseguire sullo strumento acquistato. Quindi rivolgersi presso un rivenditore con sede e negozio vi darà una certa serenità in caso abbiate bisogno di esperti!

Comparate il prezzo di una macchina da cucire nuova con una usata, ovviamente solo se possiedono le medesime prestazioni, così vi renderete conto se vale realmente la pena buttarsi su un usato. Perché se la differenza è poca allora è consigliabile una macchina nuova, considerando anche la presenza di una garanzia della macchina che solitamente non è mai inferiore ai 2 anni.

Esistono molti affari buoni nel mercato dell’usato, a volte anche macchine che sono uscite sul mercato da poco, perché chi l’ha acquistata credeva che ne avrebbe fatto un buon uso e invece la macchina è rimasta solo a prendere polvere li da qualche parte per casa. Quando decidete di acquistare una macchina può essere conveniente guardare gli usati, che a volte sono realmente nuovi o quasi.

 

Macchina da cucire toyota usata

Caratteristiche indispensabili

Se cerchi solo una buona macchina da cucire senza troppe caratteristiche particolari ecco alcune indicazioni davvero utili per le scelte di base da effettuare:

• deve essere una macchina robusta che ti offra stabilità mentre cuci e che possa durare nel tempo. Non buttarti su offerte di usati troppo economici, o modelli che sembrano giocattoli, li si nasconde la possibilità di concludere un brutto affare che non dia alcuna soddisfazione. Il primo consiglio è quindi di non fare acquisti banali e controllare la robustezza della macchina.

• almeno i due punti base:il lineare e lo zig zag. Con questi due punti, che devono essere regolabili in lunghezza e anche in ampiezza per lo zig zag, è possibile realizzare qualsiasi lavoro: dall’orlo dei pantaloni alle tende di casa, qualsiasi progetto venga in mente può essere realizzato senza problemi. Volendo, con questi due punti base si possono creare anche le asole, non è certo molto semplice, ma si può.

• che abbia l’avvolgifilo, cioè quel meccanismo con cui si riempie il rocchetto del filo inferiore, in quanto effettuare questa operazione a mano non è consigliabile, il filo non viene distribuito in maniera uniforme e né ha la giusta tensione per cucire correttamente

• che abbia un buon trasporto, ovvero quel meccanismo che fa scorrere la stoffa sotto al piedino deve essere realmente in grado di trasportare in maniera omogenea ogni tipo di tessuto sia quello sottile che quelli più pesanti

la regolazione le tensioni dei fili, fondamentale affinché si adatti a tessuti diversi.

 

 

Caratteristiche utili ma non indispensabili

punti ricamo non sono indispensabili se si è semplicemente interessati a cucire, ecco questo è un elemento di cui non ti devi interessare.

il braccio libero, è certamente utile perché serve per cucire cose a forma tubolare (gambe di pantaloni, polsi, guanti…), ma non indispensabile. Infatti se nel braccio non entra, si deve cucire da sopra. Questo vuol dire che se si può cucire da sopra un orlo allora si possono cucire tutti in questo modo, senza necessità del braccio libero

la retromarcia non è indispensabile ma è molto importante che ci sia, per passare avanti e indietro la dove inizia e finisce la cucitura

• utile la possibilità di impostare la velocità di marcia ma non indispensabile: si può controllare la velocità anche solo con il pedale della macchina con la pressione esercitata col piede.

Man mano che le funzioni aumentano così aumenta il prezzo, ecco perché orientarsi versi un buon usato può essere davvero una buona soluzione!